Blues Traveler by Konrad  

Ken Moody 1983

Robert Mapplethorpe

Come ogni anno il WPP arriva in Italia.

gli appuntamenti:

via: Angelo Ferillo Blog


Portrait of German industrialist Alfried Krupp 1963 in Essen, Germany

Arnold Newman

Visto che queste foto a quanto pare erano fatte dopo un terremoto e non dopo l’esplosione delle bombe, vi lascio questo link con i disegni fatti dai sopravvissuti all’olocausto nucleare.

Ground Zero 1945: Pictures by Atomic Bomb Survivors

Atomic Tragedy – 10 Foto inedite

Dalla collezione Robert L. Capp presso la Hoover Institution 10 foto mai pubblicate prima dell’olocausto di Hiroshima del 6 Agosto 1945.

Nel 1945, finita la guerra, Robert L. Capp un tecnico facente parte delle truppe di occupazione americane, trova in una grotta vicino a Hiroshima del materiale fotografico tra cui delle pellicole.

Una volta sviluppate, una conteneva  10 scatti ripresi da uno sconosciuto fotografo giapponese immediatamente dopo l’esplosione della prima bomba nucleare.

Dieci immagini terribili, cataste corpi cotti dal calore, centinaia di cadaveri che galleggiano sull’acqua, una cruda testimonianza delle conseguenze delle scelte degli uomini.

Le foto sono state donate agli Archivi Hoover nel 1998 con la richiesta di non pubblicarle prima del 2008.

Ad oggi, la testimonianza fotografica più vicina al disastro era quella Yosuke Yamahata che fotografò Nagasaki il giorno dopo l’attacco.

Capp Photo #2
Capp Photo #2
Capp Photo #3
Capp Photo #4
Capp Photo #5
Capp Photo #6
Capp Photo #7
Capp Photo #8
Capp Photo #9
Capp Photo #10

Aldilà delle immagini passate alla storia, di questa testimonianza mi affascina la tragedia vissuta da questo sconosciuto fotografo che ha deciso di camminare tra le macerie della sua città, scattare delle testimonianze per i posteri, e poi nascondere la pellicola in un posto sicuro,  perché quello che ha visto non può essere raccontato con le parole o con una foto scattata da 10.000 metri d’altezza.

add:
le foto non si trovano piu sul sito originale perchè il curatore sta verificando le fonti.
Alcune delle foto sono dell terremoto di Kanto del 1923:
I have received reliable proof that at least some of these photos are actually of the 1923 Kanto earthquake. It appears that the Hoover Archives have been deceived and the the designation of the collection was incorrect. I take full responsibility for my own failure to take additional steps to verify that the original archival designation was correct. I have removed the photographs until and unless their source can be verified.

Budějovický Budvar

Budějovický Budvar

Note Lampiste:

la bottiglia è appoggiata su una scatola di plastica opaca sotto la quale si trova un flash con sensore di luce, il flash primario si trova sulla fotocamera con diffusore.
Lo sfondo è datato dal mio tavolo da still-life bianco.

La foto non è scontornata.

C’è qualcosa di poetico nelle foto della serie Still Life di Martin Klimas

(chiaramente appena riesco a recuperare/costruire il sound trigger mi ci dedico anche io 😉 )

« Newer Posts - Older Posts »